Il trucco maschile

325
0
Share:
trucco

Il trucco è l’irrinunciabile abitudine quotidiana della stragrande maggioranza delle donne. Viene usato per migliorare l’aspetto del viso e correggere le imperfezioni di pelle e lineamenti. Quelli più utilizzati oggi sono il fondotinta, il correttore, la cipria, il fard, l’ombretto, il mascara e l’eyeliner. Possiamo considerare come trucco anche lo smalto che abbellisce e colora le unghie.

Il trucco però non è sempre servito a renderci più belle, nei secoli addietro questa pratica aveva un significato molto più importante ed il suo utilizzo non era riservato alle sole donne.

Le origini del trucco

Il trucco risale alla civiltà assira, usato in Egitto e Roma, fu introdotto in Europa durante il medioevo. E’ sempre stato ritenuto un mezzo importante di comunicazione e veniva utilizzato per mettere in contatto l’essere umano con la divinità. Non a caso in quasi tutte le danze sacre i danzatori prestavano estrema attenzione al trucco.

In India esiste ancora l’usanza di colorare viso, mani e piedi con l’henné, un arbusto coltivato nei paesi orientali da cui si estrae una sostanza colorante rossa. Tale sostanza è tutt’ora utilizzata nell’industria dei cosmetici per tingere capelli o tessuti e si ricava dalle foglie della stessa pianta. Con l’hennè si ungevano e profumavano i capelli per assicurarsi la benevolenza degli dei e questa pratica rappresentava una forte espressione di elevazione spirituale.

In Europa, attorno al seicento, nelle varie corti era importantissima la cura del corpo. Le donne e gli uomini di alto livello sociale si facevano disegnare dei nei, ritenuti eleganti, che a seconda della loro collocazione e forma esprimevano un diverso significato. Nel periodo del romanticismo, avere una pelle diafana era diventata una regola assoluta per le donne. Il pallore era associato alla sofferenza, a dimostrazione dell’intensità dei sentimenti provati.

Nell’antico Egitto le donne, gli uomini e persino i bambini si truccavano gli occhi con la galena, un solfuro di piombo in polvere grigia o nera, e con la malachite verde. La pelle era protetta con unguenti profumati. Questi gesti quotidiani dedicati alla bellezza erano necessari per proteggere la pelle anche dal sole, dalle alte temperature diurne e dalla sabbia fine del deserto portata dal vento.

trucco

Katy Perry

Non solo bellezza

Da antichi papiri è stato scoperto che la malachite e la galena venivano applicate sulle palpebre anche per curare patologie oculari. Le donne si dipingevano le unghie, i palmi delle mani ed i capelli con un unguento ocra-rossiccio estratto da una pianta detta ligustro, raramente si dipingevano le guance e le labbra.

La donna greca faceva il bagno in casa aiutata dalle sue ancelle, utilizzava profumi esotici e prestava molta cura al trucco. Esse ricorrevano alla biacca, un carbonato basico di piombo di colore bianco per coprire il volto, al rosso del minio, un ossido di piombo di colore arancione, all’anchusa, una pianta a fiori azzurri intensi e del fuco, che applicavano sulle labbra e sulle guance con un pennello, mentre su ciglia e sopracciglia passavano un leggero strato di polvere nera di antimonio.

Le donne romane tingevano le labbra di rosso utilizzando polvere di ocra ed il volto e le braccia erano imbiancati con la biacca o il gesso, il contorno degli occhi veniva annerito con della fuliggine.

Boy de Chanel

Il mondo dello spettacolo è il trampolino di lancio per le nuove mode e i pionieri del trucco sono dei giganti a cui ci si può ispirare per sentirsi più trasgressivi.

Il trucco maschile infatti oggi non viene ancora apprezzato a causa di preconcetti legati alla politica che nei primi decenni del secolo scorso ha inculcato nella mentalità collettiva l’ideale dell’uomo rude.

Sono numerosi però gli artisti che non vogliono più omologarsi e Chanel come Dior hanno preso spunto proprio da loro. David Bowie, Lou Reed, Iggy Pop, Johnny Deep e tante altre star insieme a decine di makeup artist si moltiplicano sui social mostrandoci i tutorial sul trucco maschile.

Le prestigiose case di moda hanno deciso di creare una linea di make up dedicata interamente al mondo maschile. Dal 2019, in tutti i negozi Chanel si possono acquistare fondotinta, balsamo labbra e matita per sopracciglia.

Sebbene un uomo truccato desti ancora tanto scalpore, possiamo affermare che il trucco per l’uomo è stato il vero grande trend del 2019. Per questo la foto di David Beckham sulla copertina di Love Magazine con eyeliner verde non ha sorpreso nessuno, anzi, ha decisamente aumentato il suo sex appeal.

trucco

David Beckham for Love

Un trend confermato all’ultima sfilata parigina della collezione Dior Uomo Winter 2019/20, dove nel backstage i modelli sono passati per il grooming di Peter Philips, Direttore della Creazione e dell’Immagine del Make-up della Maison per mostrarsi al meglio sulle passerelle.

“Gli uomini cercano prodotti che offrono risultati, senza farli sembrare truccati”, ha detto Phillips nel backstage.

Anche l’ultimo tabù sembra essere stato sdoganato da Marc Jacobs sulla sua pagina instagram. Lo stilista ha pubblicato diverse foto che lo ritraggono con una perfetta manicure e smalti abbinati ad ogni outfit.

È ufficialmente iniziata una nuova era: quella dell’uomo dalla «perfectly natural impression» che usa il trucco come un filtro per sentirsi più bello.

Leave a reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.