Tornare Bambini con Babbo Natale

Il Natale ha quel potere meraviglioso di farci tornare un po’ bambini.

Ho sempre amato il Natale. Sin da quando ero bambina. Lo aspettavo impaziente perché in quei giorni sembrava esserci una tregua alle cose brutte che a volte ci circondano.

Certo i problemi non si risolvono a Natele, ma si riesce a vivere un po’ di quella serenità che troppo spesso ci dimentichiamo di donare e di donarci.

Ora che sono mamma per me è ancora più importante questa festa. E’ un momento speciale che voglio far vivere ai miei figli. Vederli la sera della Vigilia seduti a tavola e chiacchierare  tra loro e con i miei nipoti, felici e impazienti che arrivi la mezzanotte, bé è davvero un’emozione unica.

Eros

Quando Babbo Natale puoi toccarlo con mano

Quest’anno poi ho potuto vedere gli occhi increduli ed emozionati dei miei bambini nel vedere Babbo Natale dal vivo.

Niente barbe finte o finti oh oh oh, ma un vero “Babbo Natale” che ha svolto al meglio il suo lavoro in un villaggio Natale che definirlo suggestivo sarebbe proprio sminuirlo!

La mia città quest’anno non ha organizzato grandi cose per le festività Natalizie, la crisi c’è e si sente nell’aria, inutile negarlo.

Ma la magia del Natale si vede anche qui. Un gruppo di meravigliosi volontari di Carbonia, lo SturmTruppen hanno creato un vero e proprio Villaggio di Babbo Natale, con tanto di Elfi Elfe e piccoli aiutanti.

Il Villaggio di Babbo Natale

Il tutto si svolge nella splendida location del parco archeologico di Cannas di Sotto .

Gentilmente concesso dal Comune gratuitamente per l’occasione e visitarlo, vi avverto, è una vera e propria emozione.

Appena arrivati siamo stati subito accolti nella pista d’atterraggio della slitta di Babbo Natale, e poi accompagnati da due simpaticissime Elfe nel tunnel dei desideri. Qui Eros e Alex hanno scritto i loro desideri e li hanno imbucati nella scatola magica di Babbo Natale.

villaggio di natale unamammacinquestelle
tunnel dei desideri lafrack
tunneldeidesideri lafrack

Usciti dal tunnel ci siamo trovati nella piazza del villaggio dove si stava svolgendo una vera e propria festa, con musica e risate di bambini elfi contagiosissime.

Ad animare la festa gli Speakers di Radio Carbonia International che hanno anche intervistato Eros!

piazza
radio carbonia

L’incontro con Babbo Natale: un’emozione anche per i genitori

Finalmente siamo potuti entrare nella casa di Babbo Natale.

Siamo prima passate dall’ufficio postale dove Eros ha scritto la sua lettera aiutato da due postine elfe speciali.

Eros e le Elfe

E’ arrivato poi il nostro turno per parlare con Babbo Natale e vi confesso che a me è scesa una lacrimuccia per l’emozione.

Il Babbo Natale era impersonato nel migliore dei modi e Eros era felicissimo di stare in braccio al suo mito e di poterci parlare.

Eros e Babbo Natale

Anche Alex lo guardava incuriosito e gli ha persino dato un bacio.

Dopo le foto di rito e un augurio per noi speciale siamo passati dal forno del villaggio dove gli elfi ci hanno offerto un gustosissimo pane e pomodoro appena sfornato: Eccezionale.

Gli Elfi Golosoni

Un Villaggio di Natale animato grazie al lavoro di volontari preziosi

Alla fine del giro mi sono fermata a scambiare due chiacchiere con il presidente dell’associazione SturmTruppen, organizzatrice dell’evento, Patrick Locci.

Mi ha spiegato come dietro a questa meraviglia ci siano mesi di duro lavoro, totalmente volontario da parte dei membri dell’associazione. Di quanto siano felici dell’incredibile partecipazione di persone non solo di Carbonia, ma anche provenienti da altri paesi e cittadine del nostro territorio. Numeri altissimi che l’anno scorso hanno superato le 7000 visite al villaggio.

Insomma un grazie di vero cuore a questi ragazzi, che con amore e passione per i loro bambini, ma anche per i bambini di tutto il territorio si impegnano per promuovere e creare eventi e manifestazioni come questa. Manifestazioni che ci fanno capire come nonostante la crisi la gente abbia ancora tanta voglia di uscire, reagire e sognare.

I Cominas
No comments yet! You be the first to comment.

Accedi con