Amministrative Cagliari: la Candidata Sindaca Francesca Ghirra

731
0
Share:
Francesca Ghirra

Le elezioni Amministrative di Cagliari 2019 vedono finalmente in lizza una Donna candidata al ruolo di Prima Cittadina.

È infatti Francesca Ghirra, quarantenne cagliaritana, un sorriso per tutti e assessora alla Pianificazione strategica e urbanistica della giunta uscente guidata da Massimo Zedda, la Prima Candidata Sindaca della storia di Cagliari.

Siamo riusciti a raggiungerla e nonostante i numerosi impegni ha cordialmente risposto alle nostre domande:

Chi è Francesca Ghirra?

Francesca Ghirra

Francesca Ghirra

Ho 40 anni, sono nata e cresciuta a Cagliari, ho frequentato le scuole pubbliche Satta e Spano e poi il liceo Siotto.

Ho conseguito la laurea in Beni culturali a Napoli e ho frequentato master a Roma e in Inghilterra, ma poi ho scelto di tornare a vivere qui, perché sono profondamente innamorata della mia città.

Nel 2008 ho superato un concorso pubblico e sono funzionaria dell’assessorato regionale all’Urbanistica. 

Ho sempre fatto militanza politica perché credo fermamente nell’importanza della politica al servizio delle persone.

L’ho sempre pensato e ho sempre agito in questa direzione, sin dalla prima elezione come consigliera di circoscrizione di Sant’Avendrace, nel 2006.

Nel 2011 entro in Comune con Sinistra Ecologia Libertà e per cinque anni sono presidente della Commissione Cultura, Pubblica istruzione e Sport.

Rieletta nel 2016, la più votata tra tutti i consiglieri, vengo scelta da Massimo Zedda per il ruolo di Assessora alla Pianificazione strategica e urbanistica. 

Il mio percorso di studi e la mia formazione professionale e politica sono la base del mio progetto per lo sviluppo di Cagliari, a partire dall’idea che tutela dell’ambiente e crescita economica possano andare di pari passo e siano fondamentali in una città che presenta qualità paesaggistiche e ambientali straordinarie insieme a una grande creatività e capacità imprenditoriale.

Perché ha scelto di candidarsi al ruolo di Prima Cittadina di Cagliari?

Francesca Ghirra

Francesca Ghirra

In questi ultimi anni abbiamo lavorato quotidianamente per vedere Cagliari crescere, aprirsi alla Sardegna e raggiungere risultati impensabili a livello italiano e internazionale in numerosi settori, diventare una città finalmente europea, in grado di guardare alle migliori esperienze e non solo al proprio ombelico.

Credo che questa crescita debba proseguire, senza mai dimenticare la vita di tutti i giorni.

Dobbiamo mantenere la capacità di avere uno sguardo lungo, progetti di prospettiva, senza perdere di vista la quotidianità:

in questo aiuta la conoscenza della macchina amministrativa, delle difficoltà che vivono tutti i giorni i nostri cittadini più fragili, che vogliamo continuare a impegnarci a superare, nonostante le poche risorse e la contrazione del personale, anche grazie all’impegno che ogni giorno mettono in campo i dipendenti del Comune.

Mi candido a sindaca perché amo Cagliari e voglio contribuire a valorizzarne ancora di più la bellezza e la laboriosità in stretta collaborazione con i sindacati, gli imprenditori, con il mondo del commercio, dello sport, dell’artigianato, del turismo e del volontariato.

A quali problematiche del Capoluogo darebbe priorità nel caso venisse eletta?

Francesca Ghirra

Francesca Ghirra

Apporteremo i correttivi necessari al sistema di raccolta porta a porta per la soluzione delle criticità riscontrate (dagli orari di conferimento e ritiro dei rifiuti ai mastelli condominiali nelle zone in cui servono, sino al posizionamento completo di tutte le isole ecologiche previste) e procederemo a una revisione del servizio di pulizia delle strade.

Importante l’approvazione del piano particolareggiato del centro storico, grazie a cui sarà possibile riqualificare aree che versano in stato di degrado da oltre 70 anni.

Procederemo alla riorganizzazione dei servizi, con il potenziamento degli uffici che si occupano di politiche sociali ed edilizia popolare;

la razionalizzazione dei servizi pianificazione, mobilità e lavori pubblici e la creazione di un servizio ambiente e di un ufficio che supporti gli organizzatori di manifestazioni ed eventi nella stesura dei piani di sicurezza.

Queste iniziative sono una ricchezza per Cagliari, non devono essere ostacolate dagli adempimenti burocratici ma incentivate da chi amministra la città.

Leave a reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.