Lo Smart Working e la scuola online ai tempi del Corona Virus

296
0
Share:
smart working

Diciottesimo giorno di quarantena, ansia alle stelle, indigestione di tg e cattive notizie, questa è la vita di molte famiglie italiane e non in questi giorni di emergenza Corona Virus.

Se mi avessero detto che nella mia vita avrei vissuto una situazione del genere sicuramente non ci avrei creduto.

E invece mi trovo qui, in modalità Smart Working, a svegliarmi all’alba senza sveglia e a mettermi a lavoro prima delle classiche ore 9.00.

Le mie giornate trascorrono tra telefono che squilla, mail dell’ufficio, urla di bimbi che litigano per un gioco o un foglio, ragazze che chiedono silenzio perché sono collegate coi prof, un ottenne che deve assolutamente finire i compiti da consegnare entro le 17.00, marito che chiede assoluto silenzio per il suo smart working.

Smart Working è davvero il lavoro agile?

Diciamoci la verità, quante di noi hanno bramato la possibilità di avere uno smart working! Riuscire a lavorare, stare coi figli e prenderci cura della casa è il sogno di tutte noi, che ogni giorno ci sbattiamo tra i mille impegni per riuscire a far tutto.

Dobbiamo ricrederci? Io sinceramente sì! Essere in smart working, in questo periodo storico, con cinque figli a  casa e il marito altrettanto impegnato col suo lavoro agile non è sicuramente il massimo dell’esperienza!

Decisamente mi manca andare in ufficio, mi manca passare quelle 4 ore lontana da casa, a staccarmi un po’ dalla routine familiare.

Uscire, recarmi in ufficio, dedicarmi al mio lavoro mi carica, mi da l’imput giusto per affrontare poi il resto della giornata.

Smart working

E la scuola online?

Credo che per le mie figlie e mio figlio non sia molto diverso!

La scuola online non è questo granché e loro lo hanno capito bene! Fanno lezione al mattino e a volte anche la sera, hanno tante consegne da fare e devono comunque destreggiarsi in una casa di neanche 90 mq!

Certo siamo fortunati, siamo tutti a casa, insieme e sani; abbiamo la fortuna di possedere più di un pc e una buona connessione ad internet.

Ma mi chiedo per tutte le famiglie è così? Tutti possono usufruire allo stesso modo della scuola a distanza?

Io credo di no, e questa differenza per i nostri ragazzi non mi sta per niente bene.

Sarebbe cosa buona e giusta, secondo me che sono solo una mamma, che qualcuno si facesse carico di garantire il diritto allo studio a tutti i nostri figli, anche a quelli che magari non hanno la possibilità, per tanti motivi di aver accesso alle varie piattaforme online.

Penso a chi magari a casa non ha un computer o una connessione wifi, e credetemi sono davvero in tanti!

Lo Stato dovrebbe farsi carico anche di questo, di mettere soprattutto gli studenti nella condizione di avere accesso alla scuola a distanza in egual misura, è urgente, è importante!

Spero che questa situazione passi presto e che soprattutto chi sta combattendo questa emergenza in prima persona possa tornare a vivere una vita fatta di quelle cose noiose e normali che solo adesso credo si sia capito essere vitali!

 

Leave a reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.