Regionali Sardegna, Conosciamo Marzia Cilloccu

217
0
Share:
Marzia Cilloccu

La Donna che ho il piacere di intervistare oggi l’ho conosciuta grazie al blog.

E soprattutto grazie alla mia amica e collega Francesca Melis che me l’ha presentata ad una conferenza stampa.

Da allora ho cominciato a seguirla, e soprattutto a stimarla, ecco perché sono molto onorata di averla tra le intervistate del mio magazine per le prossime elezioni regionali.

Allora conosciamo meglio insieme Marzia Cilloccu, Assessora del comune di Cagliari e donatrice di sorrisi (sorride sempre e io lo trovo fantastico!)

Chi è Marzia Cilloccu?

Marzia CilloccuM: Imprenditrice e architetta d’interni, mamma di due studenti universitari. 

Da 3 anni ricopro la carica di Assessora al Turismo, alle Attività Produttive e alle Politiche per le Pari Opportunità del Comune di Cagliari.

Sono stata prima eletta Consigliera nel 2016  insieme a Massimo Zedda Sindaco, che attraverso il suo essere un Sindaco capace mi ha stimolata ad occuparmi di politica e ad appassionarmene.

Lo stesso che mi ha poi lusingata di queste 3 deleghe molto interessanti e attinenti al mio pregresso lavorativo.

La delega alle Pari Opportunità è sicuramente una di quelle più impegnative, ma ora grazie anche alla Commissione Pari Opportunità ha acquisito una dignità molto diversa.

Perché hai scelto di candidarti?

M: Ho iniziato 3 anni fa a fare politica concretamente. Ho osservato per parecchio tempo da spettatrice attiva dato il mio lavoro.

Ora che anche Massimo Zedda ha deciso di candidarsi alla Presidenza della Regione, mi sono convinta a seguirlo.

Ho scelto di candidarmi forte del mio impegno e dei risultati ottenuti nel comune di Cagliari, sperando di poterli replicare a livello regionale.

A cosa daresti priorità nel caso venissi eletta?

M: Una delle mie priorità, sarà sicuramente il settore impresa, che va dall’ambulantato sino all’artigianato e con uno sguardo al commercio e al turismo.

Marzia CilloccuL’Artigianato ad esempio non è solo quello artistico ma anche quello edilizio, ha molto di comparto produttivo che vive grazie alla manodopera artigianale.

In questo senso ha lavorato nell’ultimo periodo il Consiglio Regionale, destinando 30 milioni di euro nella finanziaria 2018, per aiuti alle varie problematiche dell’artigianato, del commercio e del turismo.

Questo comunque deve essere migliorato mettendo mano alla legge sul commercio che è datata 2006.

In questo senso insieme a tutte le associazioni di categoria, abbiamo dialogato in questi anni e sarei quindi pronta a portare le istanze e ovviamente a risentire tutte le parti coma faccio solitamente nel mio lavoro.

Un occhio di riguardo ovviamente alle politiche di genere, ma soprattutto alle politiche di parità.

Questo perché, seguendo le pari opportunità, sono venuta a conoscenza di mondi che in questo periodo hanno delle problematiche nuove;

Naturalmente in relazione alle nuove proposte del governo che si è insediato recentemente e che rischiano di minare un terreno che era stato reso un po’ più agevole dalle associazioni femministe, associazioni del mondo LGBT e comunque da tutta la società civile che devo dire ormai si sta muovendo anche abbastanza trasversalmente.

Questo sarà sicuramente uno dei miei impegni.

Altro tema importantissimo è quello dello sviluppo economico in relazione alla diminuzione delle nascite.

C’è un grande lavoro da fare per la conciliazione famiglia lavoro e quindi una serie di aiuti alla genitorialità.

Questo per permettere ai genitori di svolgere il loro lavoro avendo a disposizione tutta una serie di servizi quali asili nido, tele lavoro, il voucher per un’assistenza domiciliare non solo ai figli piccoli ma anche agli anziani.

Per poter dare anche lì uno sviluppo e delle attività di caregiving, quindi educatori e assistenza qualificata in famiglia, per far si che si possano evitare lunghe interruzioni dell’attività lavorativa soprattutto come sappiamo nel mondo femminile.

Leave a reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.