Anna Magnani, la vita di un simbolo della cinematografia italiana

179
0
Share:
Anna Magnani

Anna Maria Magnani è una delle maggiori esponenti della cinematografia romana e italiana del ventesimo secolo, nonché una delle attrici femminili più importanti di sempre nel panorama non solo italiano, ma mondiale.

Le origini di Anna Magnani

Anna Magnani nasce a Roma, il 7 Marzo 1908, da Marina Magnani, una sarta originaria di Ravenna, e da papà calabrese, che, tuttavia, non conobbe mai. Subito dopo la sua nascita la madre si trasferisce ad Alessandria d’Egitto, dove incontrerà e sposerà un’ingegnere tedesco.

Nel corso della sua vita si alimenteranno le voci che dichiarano che Anna Maria sia figlia, in realtà, di un uomo egiziano. Nonostante non sia la verità le voci non verranno smentite nemmeno dall’attrice stessa, la quale, al contrario, le alimenta, creando un velo di mistero che la rende ancora più intrigante.

Da grande effettuerà delle ricerche sul suo padre biologico, scoprendo le sue vere origini e il suo vero cognome, Del Duce. Ma non terminò mai le ricerche e non volle mai incontrare l’uomo che le aveva dato la vita. Ironicamente fece sapere al suo pubblico che smise di cercarlo perché non voleva passare per “la figlia Del Duce”.

La vita

Rimasta a Roma sola con la nonna materna, venne cresciuta da quest’ultima, nella casa dei nonni, assieme a cinque zie e uno zio. La nonna fa di tutto per far studiare la piccola Anna, la quale tuttavia decide di portare avanti altre passioni, come lo studio del pianoforte. Diventata ormai una giovane donna, Anna decide di trasferirsi per un periodo di tempo ad Alessandria d’Egitto, per instaurare un rapporto con la madre. Ma l’esperienza ebbe tutt’altro risultato e dopo poco fece rientro a Roma.

Anna Maria Magnani

Anna Maria Magnani

Qui abbandonò anche lo studio per il pianoforte e decise, infine, di dedicarsi alla recitazione. Nel 1927 inizia, quindi, a frequentare la scuola d’arte drammatica Eleonora Duse, divenuta successivamente l’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica.

L’inizio della carriera

Appena un paio d’anni dopo aver iniziato l’accademia Anna Magnani entra a far parte della compagnia teatrale Vergani-Cimara, dal 1929 al 1932.

Subito dopo va a lavorare nella compagnia di Antonio Gandusio, assieme a Paolo Stoppa, fino al 1934. Fu lo stesso Gandusio, dopo essersi innamorato di lei, a convincerla a passare al cinema. Dal 1941 in poi inizia una serie di spettacoli al fianco di Totò.

Ma il suo vero debutto cinematografico avviene alcuni anni prima, proprio grazie all’incoraggiamento di Gandusio, nel 1934, con il film La Cieca di Sorrento.

Nel 1935 sposa il regista Goffredo Alessandrini, dal quale si separa nel 1940 e con il quale girerà una pellicola, nel 1936, Cavalleria. Nonostante il loro matrimonio finisce presto Anna non potrà ottenere il divorzio prima del 1972.

Anna Magnani tra cinema e tv

Anna Magnani appare in parecchi film, in ruoli secondari, fino a quando, nel 1941, non le furono riconosciute le sue doti drammatiche offrendole un ruolo principale. A farlo fu Vittorio De Sica, nel film Teresa Venerdì.

Anna Maria Magnani

Anna Maria Magnani

Nel 1945 diventa un’attrice di fama mondiale, grazie al film Roma città aperta, con il quale vince anche un premio.

Nel 1971 entra a far parte di un nuovo mondo, fino a quel momento guardato con sospetto da Anna, la televisione, con una serie di tre mini film, Tre Donne.

Nel 1972 recita in quello che sarà il suo ultimo film, Roma di Federico Fellini. Il 26 Settembre del 1972 muore a Roma, a 65 anni, a causa di un tumore al pancreas.

I premi

Nel corso della sua carriera Anna Magnani ha vinto numerosi premi: cinque Nastri d’argento, primo tra tutti quello del film Roma città aperta, un globo d’oro, un Golden Globe, un BAFTA, due National Board of Reaview, un New York Film Critics Circle Award, una coppa Volpi, un Orso d’Argento. Infine, con il film La Rosa Tatuata, vinse un Oscar alla miglior attrice protagonista.

Leave a reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.