Regionali Sardegna, Conosciamo Francesca Toccori

1411
0
Share:
Francesca Toccori
Questo viaggio nella Sardegna delle Donne si sta dimostrando davvero sempre più avvincente ed emozionante.
Noi Sarde si sa siamo donne forti, tenaci e passionali, proprio come la nostra ospite, Francesca Toccori, sarda doc, che si racconta in questa intervista.

Chi è Francesca Toccori?

Francesca ToccoriF: Una donna che combatte da quando ero in grembo di mia madre.
Orfana di padre e quarta dopo tre sorelle, ho vissuto parte dell’ infanzia affrontando molteplici ostacoli, dovuti alla mancanza di mio padre e alle difficoltà economiche in cui si trovò mia madre.

Da bambina ho vissuto parte della mia infanzia a Tonara paese di origine di mio padre .
In quei periodi trascorsi a conoscere la montagna, gli alberi, le nostre profonde radici forti e orgogliose, ho preso confidenza con diverse abilità artigiane locali come tessere la lana, riconoscere la legna e gli alberi, conoscere gli animali e imparai anche a lavorare il legno.

Nella maggior parte dell’anno però vivevo a Pula paese di origine di mia madre.
A 13 anni ho frequentato lo Scano scuole industriali di Cagliari (1200 ragazzi ed io unica ragazza) ho dovuto sempre lavorare 20 volte di più per superare quelli che erano e sono ancora alcuni retaggi sociali.

Mi sono appassionata di meccanica ed elettronica e all’istituto Marconi ho completato la prima fase di quella che poi sarebbe diventata la mia via.

Dopo il mio diploma una società leader in Europa nel campo militare mi ha assunto, ha fatto si che la mia formazione in campo elettronico meccanico potesse completarsi ai più alti livelli.

Contemporaneamente a questo percorso mi iscrissi anche alla Facoltà di scienze naturali, per dar sfogo al mio immenso amore per ciò che la natura ci offre.

Perché hai scelto di candidarti?

F: Voglio usare la politica per servire le persone!

Nel 1994 sono partita con un incarico molto importante e prestigioso, che mi ha portata a lavorare come prima donna Italiana al centro Spaziale in Guyana Francese dove ho per circa 10 anni lavorato e raggiunto immensi e difficili traguardi.

Rientrata in Italia e successivamente tornata in Sardegna, ho continuato a lavorare, nel mio settore, ma intorno a me, girando la mia terra , ho visto che tante cose non funzionavano e che la nostra terra soffriva di una diffusa mal gestione.

Così ho iniziato un’altro viaggio un’altra sfida quella dell’ impegno politico che mi vede ormai al servizio della gente da più di 12 anni.
Per far si che la mia preparazione a riguardo fosse idonea e all’altezza della situazione mi sono preparata e ho affiancato al mio duro lavoro, al mio essere mamma, anche un impegno universitario, iscrivendomi e successivamente laureandomi in scienze politiche e diritto amministrativo.

A cosa daresti priorità nel caso venissi eletta?

Francesca ToccoriF: Mi occuperei soprattutto delle ingiustizie sociali, dello sviluppo e della valorizzazione del turismo.

Continuo a lottare per la mia isola, il mio Paese, le ingiustizie, l’ambiente e le peculiarità della nostra Magica terra.
Ogni settore è in sofferenza dal sociale al produttivo in tutte le sue specifiche, turismo, pesca, agricoltura, pastorizia, sanitario, sociale e scolastico.

Per non parlare dell settore artigianale produttivo ed industriale.
Vorrei riuscire a far si che la Nostra isola sia veramente al centro del mediterraneo.

Non solo geograficamente essendolo già, ma far si che la nostra cultura il nostro valore aggiunto possa emergere essere una caratteristica assoluta e costante della nostra appartenenza.
Abbiamo un immenso tesoro, la nostra terra, i nostri usi, la nostra cultura, la nostra dignità.

Dobbiamo solo riuscire a farle emergere nella loro totalità e sostenerle con orgoglio, coraggio, dedizione e intelligenza.
Attualmente continuo sempre con impegno e amore a svolgere il mio lavoro, inoltre ricopro la carica di consigliere comunale nel mio paese: Pula.

Leave a reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.