E se il primo essere umano a camminare su Marte fosse donna?

215
0
Share:

Il 29 Marzo sarebbe dovuta essere una giornata memorabile per la NASA e per tutte le donne che sognano in alto, così in alto da oltrepassare le nuvole e l’atmosfera: la prima passeggiata spaziale completamente in rosa. Eppure qualcosa è andato storto, una tuta spaziale in meno e dalla ISS è potuta uscire una sola donna, non due come previsto. La missione completamente al femminile si è rapidamente trasformata in una comune missione, come tutte le altre. Eppure la NASA vuole uno spazio più rosa, le donne astronauta sono sempre di più e chissà se il primo essere umano a camminare su Marte sarà proprio una donna? Questa è la promessa che ci era stata fatta, ma dovremo attendere per scoprire se sarà davvero così.

Le prime donne nello spazio

Prima donna nello spazio

Valentina Tereshkova

Era il 1963 quando Valentina Tereskova varcò i confini terrestri e divenne la prima donna ad andare nello spazio. Ciò successe due anni dopo che il primo uomo andò nello spazio, Jurij Gagarin, nel 1961. Tereskova trascorse tre giorni a bordo della navicella Vostok 6, compiendo 48 giri attorno alla Terra, ad appena 26 anni.

Diciannove anni dopo, nel 1982, Svletana Savitzakaia fu la prima donna a compiere una passeggiata spaziale, tre ore mezzo fuori dalla navicella.

Altre donne si sono susseguite nello spazio, da Judith Resnik a Christa McAuliffe, morte nella tragedia del Challenger, da Kathryn Sullivan a Barbara Morgan, fino alla nostra Samantha Cristoforetti, prima italiana nello spazio. Ma dopo tutto ciò, dopo tutta l’esplorazione spaziale, quello che più è rimasto nel cuore è stato l’allunaggio. Era il 20 Luglio del 1969, tutto il mondo rimaneva con il fiato sospeso, vedendo Neal Armstrong muovere i primi passi sulla Luna.

Ora è il nostro turno. Anche se “le donne vengono da Venere e gli uomini da Marte”, è proprio su quest’ultimo che vogliamo lasciare l’impronta. Perché per una donna diventare astronauta è infinitamente più arduo che per un uomo e allora meritiamo davvero di essere il primo essere umano a camminare su Marte.

Prossima destinazione: Marte

Prima italiana nello spazio

Samantha Cristoforetti

La missione della NASA Moon2Mars prevede di tornare sulla Luna, questa volta per restarci. Ma non solo, l’avamposto lunare sarà il punto  di partenza per missioni verso Marte. Per far ciò sarà costruito il Gateway, un porto lunare con destinazione Marte. Come precisato da Jim Bridenstine, amministratore capo della NASA, “un altro balzo in avanti, quello su Marte”. E chi sarà a compiere questo balzo in avanti? Bridenstine ci lascia intendere che, probabilmente, sarà una donna.

È molto probabile che la prossima persona sulla Luna sia una donna, e che lo sia anche la prima persona su Marte”. La NASA, soprattutto grazie a Bridenstine, sta esprimendo la volontà di cambiare rotta, e di investire molto sulle donne, che fino ad ora, nonostante le molte imprese, sono sempre rimaste un gradino indietro nell’esplorazione spaziale.

Tappa sulla Luna

Prima di pensare al pianeta rosso, tuttavia, ci sarà una tappa sulla Luna, un ritorno che tutti attendono con grande ansia. Questa volta torniamo sulla Luna per restarci! E per garantire che ciò avvenga alla NASA sono stati dati fondi pari a 21 miliardi di dollari, uno dei budget più alti mai avuti. Il Gateway lunare è dietro l’angolo. La persona protagonista di questo grande ritorno potrebbe essere donna. Bridenstine, infatti, annuncia: “Non vediamo l’ora di vedere la prima donna sulla Luna”.

Il tutto avverrà nel giro dei prossimi dieci anni, promette la NASA.

La donna misteriosa che andrà su Marte

Alyssa Carson

Se davvero le tempistiche saranno queste forse si sa già il nome di questa donna che Bridenstine non vede l’ora di mandare sulla Luna e su Marte? È solo un modo per far dimenticare gli errori dello scorso 29 Marzo o c’è una grande donna dietro a tutto questo?

Forse sì, forse c’è una grande donna che Bridenstine e tutta la NASA ammirano. La diciassettenne Alyssa Carson è una ragazzina davvero speciale. Mentre i suoi coetanei si divertono e non sanno ancora cosa vorranno diventare da grande lei ha le idee molto chiare.

Vuole far parte del primo equipaggio che metterà piede su Marte, previsto per il 2033, quando lei avrà 32 anni. La NASA non prende in considerazione i minorenni, ma lei è la prima eccezione nella storia dell’agenzia spaziale.

Deve essere davvero una persona speciale e, a riprova di ciò, vi è il fatto che, ad appena dodici anni, divenne la prima persona ad aver completato tutti e tre i campi spaziali per la preparazione degli astronauti della NASA. Che sia lei la donna misteriosa che Bridenstine vuole mandare su Marte?

Leave a reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.